Eventi

hivdayfronte
hivdayretroHIV DAY 2 DICEMBRE 2013
In occasione della giornata mondiale per la lotta all’HIV, l’Associazione si è mossa per organizzare un evento in città che dia la possibilità a tutti di pensare, agire, condividere, informarsi, rispetto ad un tema così particolare e paradossalmente ancora molto sconosciuto.
Si è voluto proporre questo momento d’incontro cittadino il 2 Dicembre e NON SOLO IL 1 DICEMBRE, che da il titolo della giornata, proprio per passare il concetto che l’HIV è un problema che non può essere considerato solo un giorno all’anno, ma ci deve essere una consapevolezza costante.

La prevenzione non si fa un giorno all’anno e come dice Hivo nei suoi video, è ancora virale, non si capisce perché ormai tutti lo ignorino.

Per ricordare che parlarne non è sconveniente, per sorprendere con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione, per dire certe parole e fare certe domande a voce alta…
Perché? Che c’è di strano? Far domande è meglio che curare.

NON SOLO IL PRIMO DICEMBRE

In mattinata ci sarà la presentazione del video “+ o – il sesso confuso” all’interno del Cinema Zero con la presenza delle classi di quasi tutti gli istituti scolastici di Pordenone.
Nel pomeriggio, dalle ore 16, all’interno del Chiostro della Biblioteca Civica di Pordenone in Piazza XX Settembre, si svilupperà un pomeriggio aperto alla cittadinanza ed alla scuole, dove si alterneranno diversi momenti culturali per capire e parlare di HIV:

Dj Set e Bloody Happy Hour.
Distribuzione preservativi e informazioni per test hiv gratuito
Parkour by Side Motion Crew.
Cose d’impatto by I Tecknicolor.
Fumetti e disegni live.

In testa i RAGAZZI DELLA PANCHINA, seguiti da tanti altri che dicono le cose a voce alta:
Sounds Like, Progetto Top, CINEMAZERO, I TECKNICOLOR, SIDE MOTION CREW, NPS Italia Onlus .

Con il Patrocinio di:
Comune di Pordenone, Ass n.6, Cooperativa Sociale Itaca

Link: http://www.youtube.com/watch?v=2XwvXTQ-GkI&list=PL2BAC5EA461B7C78B
Email: panka.pn@gmail.com

—————————————–

somenzi loca
In occasione della riapertura della sede dell’associazione I Ragazzi della Panchina, avvenuta a Febbraio 2013 e dopo un lungo periodo di forzato stop, si è voluto rinforzare ed incrementare l’apparato di reti relazionali e collaborative con le realtà istituzionali del territorio. Forti degli ottimi risultati ottenuti in termini di proposte tematiche, di eventi realizzati, di impatto sul territorio, che le sinergie hanno reso possibile, anche questa proposta nasce da una forte collaborazione tra l’associazione I Ragazzi della Panchina, il Dipartimento per le Dipendenze di Pordenone, l’ASS6 ed il Comune di Pordenone. Si vuole proseguire sull’onda del Forum Internazionale sul contrasto del consumo di sostanze psicoattive denominato “ALTRE STRADE” e realizzato a Giugno 2013 a Pordenone, dove la forza messa in campo grazie ad un progetto comune ed una serie di obiettivi comuni, ha dato modo di realizzare un evento internazionale di altissimo spessore culturale.

Proseguendo quindi in questa direzione proponiamo alla città un concerto realizzato dall’orchestra Crescere in Musica, composta da ragazzi e ragazze di circa 13/14 anni che si stanno formando come musicisti e come persone attraverso un percorso musicale e di vita. A coadiuvare ed impreziosire l’orchestra la presenza di Massimo Somenzi al pianoforte e del direttore Sergio Gasparella; il programma prevede: A.Corelli Concerto grosso in sol min n.8 op.6 “Fatto per la notte di Natale”; H. Purcel Danze; W.A. Mozart Concerto per pianoforte e orchestra in Mi b Magg KV 271 “Jeunehomme”.

Il piacere di promuovere questa serata nasce dal fatto che anche loro, come noi, sviluppano iniziative realizzate da gruppi misti. Questo significa che i componenti dei gruppi sono di età diverse, hanno esperienze di vita diverse, provenienze diverse, ma tutti accomunati dall’obiettivo verso cui tendere, dell’essere gruppo e persone, molto prima che differenze.

————————————————

locandina convegno wb ALTRE STRADE
La rete dei servizi informali

I° Forum internazionale sul contrasto del consumo delle sostanze psicoattive

Venerdì 7 Giugno 2013
Ex Convento di San Francesco
Piazza della Motta, 4
PORDENONE

Il Convegno “Altre Strade. La rete dei servizi informali”, 1° Forum internazionale sul contrasto del consumo di sostanze psicoattive, nasce dalla collaborazione tra l’associazione “I Ragazzi della Panchina” di Pordenone e il Dipartimento FISPPA dell’Università degli Studi di Padova.
L’evento vede la partecipazione di associazioni e ONG nazionali e internazionali, che nelle loro attività collaborano sia con enti pubblici, che privati.
La costituzione di una rete tra servizi nazionali e internazionali, che operano nell’ambito del contrasto al consumo di sostanze psicoattive, diventa quanto mai necessaria per arrivare ad operare in modo concertato laddove le singole realtà non potrebbero inserirsi.
Questo convegno vuole essere un’occasione per condividere prassi già messe in campo e “nuove” proposte, in un ottica di promozione della salute.

Programma:
9.00-9.30: registrazione partecipanti
9.30-10.00: saluti delle autorità – Sindaco di Pordenone Claudio Pedrotti, Presidente della Provincia Alessandro Ciriani, Rappresentante della Regione, Direttore generale ASS6 dott. Tonutti, Responsabile Dipartimento per le Dipendenze ASS6 dott.ssa Sabbion.

10.00-10.15: Saluto e benvenuto del presidente dell’ associazione I Ragazzi della Panchina (Ada Moznich).

10.15-10.45: “Da un’architettura dei servizi monotematica ad un’architettura dei servizi generativa nel contrasto al consumo di sostanze psicoattive illegali” Gian Piatro Turchi, Università di Padova.

10.45-11.15: “I Ragazzi della panchina. 18 anni di storia, da esperienza a servizio. Stefano venuto.

11.15-11.30: Coffee break.

11.30-12.00: “Gestione di un Ser.T alla periferia di Napoli: vincoli e risorse” Vincenzo D’Auria, Responsabile Ser.T. ASL Napoli 2 Nord. “Il modello riabilitativo-terapeutico del Ser.T. di Casavatore: esperienze di connessioni” Pietro Scurti.

12.00-12.30: “Scalo San Lorenzo. Un’alternativa ai circuiti di emarginazione, un presidio di protagonismo dei consumatori e di cura del territorio” Luca Scopetti, Cooperativa Parsec, Roma.

12.30-13.30: Pranzo a buffet

13.30-14.20: Spettacolo teatrale “La legge è uguale per tutti?” Laboratorio teatro dell’associazione RDP. Testo di Pino Roveredo

14.20-14.50: “Proyecto Vida y Esperanza” Magali Torres Reyes, Asociaciòn Vida y Esperanza, Bolivia.

14.50-15.20: “Como abordar eficazmente las drogodependencias y los problemas derivados del consumo de drogas en el siglo XXI. Papel de las asociaciones y de la sociedad civil”. Jesus Cancelo Martinez, Associazione ACLAD ALBORADA, Spagna.

15.20-17.10 Lavoro di gruppo su due aree tematiche:
1. Consolidare la rete esistente tra servizi formali e servizi informali, quindi come avviare/consolidare la collaborazione tra servizi informali ed istituzioni. Moderatore Dott.ssa Martin Copielle
2. Promuovere la figura del consumatore in qualità di risorsa nelle strategie di contrasto al consumo: iniziative e valutazione dell’efficacia delle stesse. Moderatore: Dott.ssa Cristiana Ferri.
Per chi non partecipa ai lavori di gruppo si prevede una tavola rotonda con i relatori. Moderatore: Dott.ssa Roberta Sabbion.

17.10-18.30 Discussione e presentazione del lavoro svolto dai due gruppi e indicazioni per le prospettive del prossimo incontro.

Relatori:

Gian Piero Turchi, docente del Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata) dell’Università di Padova
Stefano Venuto, educatore associazione “I Ragazzi della Panchina”, Pordenone
Vincenzo D’Auria, responsabile U.O.C. Nuove Droghe e Riabilitazione ASL NA 2 Nord, Napoli
Pietro Scurti, psicologo-Psicoterapeuta Responsabile U.O.S. Percorsi Psicologi ASL NA 2 Nord, Napoli
Luca Scopetti, assistente sociale Cooperativa Parsec, Roma
Magali Torres Reyes, psicologa Asociación Vida y Esperanza, Bolivia
Jesus Cancelo Martinez, psicologo clinico e direttore dell’associazione “ACLAD ALBORADA”, Spagna

Comitato Scientifico:

Claudio Cattaruzza, Assessore alla Cultura, politiche giovanili, turismo e promozione della città
Ada Moznich, Presidente dell’ associazione “I Ragazzi della Panchina”
Gian Piero Turchi, Università di Padova
Roberta Sabbion, Direttrice del Dipartimento per le Dipendenze di Pordenone
Alessandro Zamai, Dirigente Medico del Dipartimento delle Dipendenze di Pordenone

Informazioni generali:
A termine del convegno verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.
Il convegno è a numero chiuso, sono disponibili 150 posti. Il modulo d’iscrizione è scaricabile dal sito: http://www.iragazzidellapanchina.it
Iscrizioni entro il 30 maggio al fax: 049-8276661 per e-mail: convegno.altrestrade@gmail.com
Per informazioni relative all’alloggio rivolgersi alla segreteria organizzativa.

Segreteria Organizzativa
Dipartimento FISPPA
Gian Piero Turchi, Studio 514
Via Venezia, 8 Padova
Contatti:
Tel. 049 8276633 Cell. 348 5163756
Fax 049 8276661
e-mail: convegno.altrestrade@gmail.com

——————————————-

I Ragazzi della Panchina con il loro “Laboratorio Teatro”

Presentano

La Legge è Uguale per Tutti?

di Pino Roveredo

Interpretata da ragazzi, consumatori e non, del “Laboratorio Teatro” dell’Associazione I Ragazzi della Panchina, in collaborazione con il Dipartimento per le Dipendenze della Provincia di Pordenone.

La commedia verrà recitata all’interno della sala dell’Ex Convento di San Francesco, in Piazza della Motta a Pordenone, in data Venerdì 22 Giugno 2012 alle ore 21 con ingresso gratuito.

Si è inoltre riusciti a coinvolgere nuovamente il carcere cittadino, facendo partecipare dal vivo alla rappresentazione un detenuto, che già aveva precedentemente preso parte al progetto.

Attori:

Giorgio Doardo

Fabio garofalo

Massimiliano Moras

Floriana Nardozi

Glenda Lorenzi

Caterina Traetta

Sara Mongiat

Mihai Stuleanec

Regia Guerrino Faggiani

REPLICHE:

Venerdì 14 settenbre 2012 Sacile  (PN) Teatro Ruffo Ore 20.45

________________________

Ahlan Wa Sahlan-Benvenuti

I RAGAZZI DELLA PANCHINA PRESENTANO

AHLAN WA SAHLAN

CLASSICL ARABIC MUSIC

9 DICEMBRE 2011

ORE 21.00

EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO

PORDENONE

INGRESSO GRATUITO

Samia Charbel (Libano) darabuka, voce

Miranda Cortes (Francia) fisarmonica, voce

MIchele Pucci (Udine) chitarra flamenco

Lorenzo Gasperoni (Milano) percussioni etniche

Michele Sguotti (Vicenza) violino, viola, voce

Michela Zanon alla danza del ventre

VI ASPETTIAMO IN TANTI


_________________________________________________

La Pankina a Pordenonelegge 2011

Giovedì 15 settembre2011 alle ore 18:00, Afragola Napoli 19 ottobre 2013, Scampia Napoli 20 ottobre 2013

Ridotto del Teatro Verdi

Rimettersi in scena: la scrittura come riscatto sociale è l’incontro promosso da I ragazzi della Panchina Onlus, con Pino Roveredo eGuerrino Faggiani. Il racconto di un percorso importante dal laboratorio di scrittura ad una commedia dal titolo La legge è uguale per tutti?

Dopo l’entusiasmante successo dell’omonimo spettacolo, scritto e diretto dal regista e scrittore Pino Roveredo, nel quale sono stati cinvolti direttamente i detenuti del carcere di Pordenone, questo incontro, inserito nella prestigiosa festa del libro, ci racconta di questo percorso iniziato con un laboratorio di scrittura organizzato con I ragazzi della Panchina e conclusosi con la messa in scena della performance presentata al Convento di S.Francesco lo scorso 23 giugno.

Contando di ripetere l’emozionante incontro anche con il pubblico di Pordenonelegge, vi invitiamo giovedì 15 settembre alle ore 18:00 al Ridotto del Teatro Verdi, dove saremo presenti con un banchetto informativo e con il nuovo numero di Ldp, che esce in contemporanea a questo appuntamento e che contiene uno speciale dedicato a questo fine settimana pordenonese dedicato al libro.

____________________________________________

Festa in Piassa 2011

agosto 11, 2011

Si rinnova anche per quest’anno la collaborazione tra l’Ass. Festa in Piassa ed i Ragazzi della Panchina. Dal 18 al 29 Agosto si svolgerà la manifestazione Festa in Piassa presso il Centro Polisportivo Comunale di Villanova di Pordenone. Lo stand della Panchina sarà allestito sempre presso l’Area Skate Park della festa per dialogare con la cittadinanza, portare l’esperienza della nostra Associazione, distribuire materiale informativo, discutere sulle problematiche dell’HIV (con la distribuzione gratuita di preservativi), ma non solo. L’anno scorso il pezzo forte del nostro stand è stato il Video Box, all’interno del quale sono state realizzate molte interviste videoregistrate, già visibili nel nostro blog, ma che verranno riproposte direttamente all’interno dello stand. Quest’anno abbiamo pensato ad una novità, interattiva e simpatica ma non per questo meno utile! Vogliamo però farvi una sorpresa quindi non vi anticipiamo niente… Se vi abbiamo incuriosito almeno un po’, venite a trovarci nei giorni da giovedì 18 a domenica 21 e da venerdì 26 a lunedì 29 Agosto. Vi aspettiamo!

_____________________________________________________________________________
LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI?
Ragazzi della Panchina dalla Casa circondariale di Pordenone presentano:LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI?di Pino Roveredo23 giugno 2011ore 21.00Convento San Francesco PordenoneINGRESSO GRATUITOGli attori sono gli ospiti della Casa Circondariale di Pordenone Ospiti speciali Gigliola Bagatin, Valentina Furlan e Marina ValentMusiche di Diego TodescoDanza Giulia CarliMimo Omaria UrsellaAiuto regia Guerrino FaggianiTecnico video Davide PettariniCon il patrocinio della Provincia di Pordenone, Azienda Sanitaria ASS6 e Dipartimento delle Dipendenze di Pordenone____________________________________________________________________________
OLTRE LE SBARRE
I RAGAZZI DELLA PANCHIAN E CINEMAZERO
PRESENTANO
OLTRE LE SBARRE
Percorsi di integrazione tra sociale e tossicodipendenza
Giovedì 28 Aprile 2011
Ore 20.30
presso il Cinema Zero di Pordenone 

Ad aprire la serata ci sarà la presentazione dell’Associazione attraverso la proiezione del video-documentario di TV7 andato in onda su Rai1 a dicembre dello scorso anno. Documentario che fa rivivere la storia quindicinale del gruppo, dalle origini sofferte fra perdite e fievoli speranze mai estinte all’inaugurazione della Sede in Viale Grigoletti n°11, Sede che proprio l’anno scorso ha festeggiato i dieci anni di apertura.

Verrà quindi presentata da Pino Roveredo la nuova esperienza teatrale dei Ragazzi della Panchina, una commedia dal titolo “La Legge è uguale per tutti?”

Un atto unico che pone alle singole coscienze degli interrogativi sul senso della giustizia, della carcerazione e della libertà dell’individuo.

Un progetto che vede nel teatro un ponte di unione fra i Detenuti, i Ragazzi della Panchina e il territorio pordenonese.

Uno spettacolo che verrà messo in scena dai detenuti della Casa Circondariale di Pordenone all’interno della cinta muraria, con la regia di Pino Roveredo e i Ragazzi della Panchina e con la collaborazione del Ser.T. e del personale della Struttura Carceraria.

A seguire Rodolfo Bisatti racconterà e proietterà il suo lungometraggio “La donna e il drago”. La vicenda di una donna condannata dalla “giustizia che fa il suo corso” a scontare sei anni di prigione.

_____________________________________________________________________________

NUEVO TANGO PROJECT

Per festeggiare i 15 anni della storia del gruppo e i 10 di vita della sede

I Ragazzi della Panchina invitano tutti gli amici allo spettacolo:
“Nuevo Tango Project”
Auditorium Concordia di Pordenone
7 Dicembre 2010
Ore 21.00
Ingresso libero
_____________________________________________________________________________
ESPIAZIONI

Siamo lieti di invitarvi all’inaugurazione della mostra di pittura del nostro Amico Renzo Quaglia, che si terrà il 29 maggio alle ore 10.30 alla Bastia del Castello di Torre in Via Vittorio Veneto 23 Pordenone.
La mostra proseguirà per un mese fino al 27 giugno, con apertura al sabato dalle ore 15 alle 19 e la domenica dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 con la presenza dell’artista.

Espiazioni

 L’arte è tante cose, per fortuna: è, o per lo meno è stata, bellezza, equilibrio, passione, concetto… ma anche impulso, istinto, inconscio, gesto che parte da tutto l’essere dell’artista e agisce sulla tela così che questa risulta quasi un’estrinsecazione di sé, un territorio dove permane l’impronta di un evento interno – alla psiche, o forse al cuore, o anche alla pancia, si potrebbe dire.

Un’arte “di pancia”: lo è stato molta arte dal dopoguerra in poi, all’interno del vasto mondo dell’informale e delle sue ramificazioni, soprattutto quelle più gestuali come l’action painting. “Di pancia” è anche il lavoro di Renzo Quaglia, che rientra così in uno dei linguaggi più vitali dell’arte contemporanea, e questo non per studiata intenzionalità quanto per un’adesione profonda, forse addirittura inconsapevole, alle istanze più genuine di quel movimento.

L’aspetto gestuale, di forte istintualità, si percepisce soprattutto nelle opere esclusivamente pittoriche, dove il segno si fa particolarmente dinamico e violento, un turbinare di segni, con le spatolate di nero che aggrediscono le pennellate colorate dello strato sottostante come se volessero cancellarle e ricoprire tutta la tela. Sembra di assistere a un combattimento corpo a corpo, nel corpo del colore, che non a caso in altre opere, in cui è utilizzata una caratteristica tecnica polimaterica, prende letteralmente “corpo” trasformandosi in rilievo. Qui il colpo di spatola affonda in una massa spessa di colore-materia, il gesto perde forse un po’ della sua velocità ma in compenso acquista il senso dello sforzo, dell’energia con cui è stato impresso e che si è resa necessaria per plasmare la materia resistente e inerte.

L’origine ideale di questi lavori in realtà non è gestuale, sta in una grande tela astratta, stipata di minuscole forme geometriche intensamente colorate e incastrate le une con le altre, simili a circuiti elettronici o a una moderna metropoli vista dall’alto: un ingranaggio senza fine che riempie, con una sorta di horror vacui, tutto lo spazio della tela e dal quale non restano vie di fughe, un “meccanismo mentale” (la definizione è dell’artista) che acquista un senso simbolico e, come l’enorme macchinario di Tempi moderni, ma senza l’ironia di Chaplin, ingloba tutto ciò che gli si avvicina. Qualcosa di questo “meccanismo” resta anche in molti lavori polimaterici, in certi grafismi, certe incisioni come ruote dentate, certe file di tasselli che sembrano cremagliere, impresse nello spessore del colore. Ma il segno qui è più forte, si libera e finisce per avere il sopravvento, impazzando sulla tela come bora.

Espiazioni è il titolo dato dall’artista a questa mostra, un titolo significativo, che indica un passaggio e salda insieme la colpa, l’espiazione della colpa e la liberazione da essa perché possa finalmente aprirsi una fase nuova. Ed è veramente un gesto liberatorio quello a cui si assiste, un gesto che rovescia sulla tela, spazio-simbolo del mondo, tutta la rabbia di un vissuto non facile e travolge, con questa sua selvaggia bellezza, ogni residuo del “meccanismo mentale” che ingabbia il nostro mondo tanto “bello e buono”.

 

Chiara Tavella

_________________________________________________________________________________________
LA FRONTERA

3 DICEMBRE 2009
TEATRO CELSIO COSTANTINI
DELL’ISTITUTO VENDRAMINI DI PORDENONE
ORE 20.45
INGRESSO GRATUITO
______________________________________________________________________________
LA PANKINA
Mercoledì 11 giugno 2008 alle 21 all’auditorium Concordia di Pordenone I Ragazzi della Panchina e La Compagnia Instabile di Trieste presenteranno “La Pankina”, opera teatrale di Pino Roveredo. Sette personaggi, alla metà degli anni ’90, hanno eletto come luogo “di vita” una panchina posta nelle immediate vicinanze dell’ospedale civile di Pordenone. Lì si incontrano quotidianamente, e si scontrano con il resto del mondo rappresentato da uno spazzino, aggrappati a quest’ultimo simbolo di appartenenza. Ma arrriva il giorno in cui la panchina riceve un avviso di sfratto…La fotografia della nascita del gruppo dei Ragazzi della Panchina di Pordenone, in un’ora e mezza che lascia senza fiato.Pino Roveredo, scrittore triestino, ha vinto il premio Campiello nel 2005 e attraverso la Compagnia Instabile collabora con I Ragazzi della Panchina dal 2000. REPLICHE:
Pordenone 29 luglio 2008
Trieste 23 gennaio 2009

Napoli 28 settembre 2009

Milano 21 e 22 novembre 2009

Pordenone 12 marzo 2010

___________________________________________________________________________

MONI OVADIA E I RAGAZZI DELLA PANCHINA

Eccoci qua, con il grande Moni Ovadia. E’ stato un incontro veramente straordinario, uno dei più belli della storia del gruppo. La passione, la forza, la cultura di quest’uomo regalano a chi lo sta ad ascoltare energie nuove per continuare con maggiore determinazione battaglie che hanno bisogno continuamente di nuova linfa, di un fuoco che non si spenga di fronte alle difficoltà che continuamente si presentano. Le sue parole restano impresse perchè coerenti con una vita spesa per affermarle, anche quando risultano scomode perchè non seguono le mode del momento. Moni Ovadia le sostiene con la sua fisicità, non ha bisogno del consenso per credere in ciò che fa. Ed è una lezione per tutti sapere che si batte per qualcosa in cui crede, con l’entusiasmo di chi sicuramente non mollerà.

I commenti sono chiusi.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 563 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: