29 maggio

maggio 30, 2008

è da un po’ che non si vede la giò. rima a parte, giornata tranquilla in sede. passa parecchia gente tra cui ciro, sani, max, manuele, puty, federico (dopo tanto!), giorgio, la mara, frank gargano… gigi un po’ giù per la morte di Zambon, il re degli incisori, super persona citata anche sul suo libro. Monsieur le bepò in piscina per la schiena, terapia d’idromassaggio.  ingrafoteca per le locandine, ma che dico locandine, opere d’arte. si chiude alle sette. e domani vigilia del torneo…


I miss you, Joe

maggio 29, 2008

Sono andato io a intervistare Joe Strummer in Inghilterra. All’epoca ero inviato speciale di Rockerilla, facevo anche il fotografo. Avevamo appuntamento sulla spiaggia di Brighton, famosa per il Rumble in Brighton, dove noi rockers abbiamo “suonato” i mods (vedi Quadrophenia e poi muori). Erano circa le 10 del mattino quando arrivai lì, in sella alla mia Norton Commando rossa. Vidi un tipo sorretto da una Triumph Boneville 750. Il tipo si fumava una Lucky Strike senza filtro. Mi avvicinai e vidi che portava una grande mohicana rossa e un paio di rayban a goccia a specchio. Capii subito che era lui, il mitico Joe Strummer. Fu il secondo incontro tra il re del Rock and Roll e il re del Punk. Gli dissi ehi vecchio Joe ti ricordi di me? abbiamo suonato insieme ai fratellini Ramone al CBGB’s a NY. Lui era talmente fatto che non si ricordava un cazzo. Mi disse ehi man la tua moto va, eh? Are you ready for punk rock?

Partimmo, direzione London downtown. Andammo a Piccadilly Circus, piena di finti punk con la cresta. C’era anche una tipa di Pordenone, sister Cinzia, che stava al tempo con Brian Deveroux. lei ci riconobbe subito. Disse: max, ma che cazzo ci fai a Londra con joe Strummer?

Sai com’è, le risposi, lui non poteva venire da me..

Max Flagello


28 maggio

maggio 28, 2008

Continuano i preparativi per lo spettacolo, oggi ci siamo mossi per le questioni tecniche: impianti audio/luci e scenografie varie. Max arriva con in regalo per tutti una foto del Che e (non è una barzelletta) ne indossa anche una sua maglietta con la quale andrà alla riunione di partito di stasera.. Non vado oltre ma chi è passato ultimamente da queste parti sa cosa significa e si starà sbellicando dalle risate; insomma potere dell’integrazione in sede a livelli altissimi.

Per il resto  passano, oltre i soliti, anche Manuele, Ginetto,  semplicementeGio’, Mara… insomma la giusta occasione per 2 mitiche accoppiate del “cazzeggio”: coca cola/patatine e  caffè/cicca.


27 maggio

maggio 27, 2008

max flagello in stand by, oggi, dopo la perla di ieri sera. la sede impegnata a fare il powerpoint per la relazione di zamai all’università. attesa spasmodica per le locandine del teatro. poi c’è il problema degli inviti, con il computer a riparare con tutti gli indirizzi dentro… meglio non pensarci. contattati per l’ultimo incontro con le amiche e gli amici del liceo pujati: data per la festa ipotizzata giovedì 5 giugno, porteranno torte e quant’altro le loro mani dorate sapranno produrre.

ada e gigi se ne vanno verso le sei, giorgio ha il corso d’inglese quindi mi fa compagnia fino alle sette.

The book is on the table…


Coast to coast…to coast

maggio 26, 2008

Mi trovavo a NY nel negozio di abbigliamento usato della mia ragazza, e mentre mi stavo sorseggiando una birra insieme al buon vecchio johnnie ramone, vidi quel tdc di ian ashbury che guardava la vetrina. fece entrare la sua ragazza che chiese alla commessa se aveva un paio di levis a tubo usati, però larghi in vita perchè il suo maritino aveva messo su un po’ di ciccia. la mia donna la mandò gentilmente affanculo. io, avendolo riconosciuto come cantante dei cult, mi avvicinai a lui. aveva parcheggiato la sua harley vicino alla mia. era pieno come una gubana. mi disse: ” hey man, quell’harley color argento non sarà mica tua?” e io gli risposi “ovvio, me l’ha appena venduta mickey rourke”. mi disse . ” ti va di fare un trip in quattro?”, gli risposi ” I’m ready for rock ‘n’roll” . Ci trovammo a mezanotte all’entrata principale di Central Park e mi presentò altri due strani bikers: uno era billy idol, l’altro quello sfigato di Paul Simonon, già bassista dei Clash per i profani. Per carburarci ci bevemmo 4 bottiglie del buon vecchio Jack, a testa. e partimmo. coast to coast, NY-LA. Viaggiammlo tutta la notte e il giorno successivo, io sempre in testa, loro sempre dietro. Ogni tanto uno dei tre mi affiancava e mi passava una bottiglia. Raggiungemmo la città degli angeli verso il tramonto. Loro erano sfatti e se ne andarono a hollywood nelle rispettive dimore. Io voltai la moto e puntai dritto verso NY, visto che adesso la strada la conoscevo.

max flagello


26 maggio

maggio 26, 2008

notizia sensazionale: entreremo in carcere per andare a trovare il mitico stenky. Due del gruppo hanno avuto il permesso di andare a trovarlo come supporto , visto che non se la passa molto bene. Probabilmente è la prima volta in assoluto che succede una cosa del genere. Restando sul sensazionale, il nuovo viaggio di max flagello.  tornando su questo pianeta, invece, gita fuori porta con matteo a fiume veneto per acquistare il materiale per la scenografia: la prima si avvicina e si intensificano anche le prove, oggi a gruppi per provare dialoghi e movimenti. il pubblico presente osserva a bocca aperta: chissà cosa passa in ogni testa.. non ce la faranno mai!, sembra di leggere nelle espressioni dei presenti. e invece ce la faremo, tutto a memoria, come le poesie a pasqua.


23 maggio

maggio 23, 2008

Il nuovo libro della Franca è pronto: una punto verde ormai vicina alla pensione viaggia verso casa sua carica di scatoloni bianchi che li saranno aperti e uno per uno (700! grande Franca) subiranno le ultime amorevoli cure della sua  autrice; per poi andare per la loro strada e chissà quanto lontano.. In sede tutto tranquillo: pomeriggio trascorso tra caffè, supersfide a tresette e compilazioni di curriculum vitae. Missione sagome per il teatro rimandata, nessuna notizia dalla cooperativa che deve fornirci il mezzo.