29 gennaio

gennaio 29, 2010

Alla mattina ecco arrivare Pino in grande forma. L’anno si prospetta promettente anche da queste attività: si parla già di un paio di rappresentazioni e.. vabbè sveleremo un pò alla volta. Dopo una bella pausa pranzo la sede riserva una certa vitalità: super ramino con Madda, Walmy e Manuele che chiude pescando un 2 dal tavolo al secondo giro.. non so spiegarvi ma chi ne capisce un pò è indice di cu.. (ehm fortuna) sfondato. Intanto BariVecchia lancia i Muse a palla, Federico stende ad asciugare la roba e così via. 


28-01-2010

gennaio 28, 2010

La giornata in viale Grigoletti scorre a velocità di crociera abbastanza tranquilla. Lo zoccolo duro è costituito dagli intramontabili di sempre (Gigi, Massimo, Frank Bari vecchia e Maddalena per citarne alcuni). Presente anche la nuova guardia rappresentata da Guliao e Federico, il quale è alle prese con un lavatrice di roba da stendee e dop una lotta non da poco riesce a spuntarla. Per il resto i buon vecchio Gigi è assorbito dalle sfide a ping-pong e tutti sembrano voler misurarsi con lui. Ad un cero punto mi è perfino capitato di vedelo con maglia di cotone e senza la solita papalina, da tanto era spremuto e accaldato (pensate voi). Per quanto riguarda il qui presente viola player è scattata una sfida a scachi niente popò di meno che col guru asoluto Manuele. Sono riuscito a non perdere (patta grazie a una regina sequestrata furtivamente e qualche consiglio da gigi e gueri). Passano in sede anche Vittorio e Laura ed è stato un piacere. Ho parlato un po’ con Vittorio che mi ha descritto il suo impegno col gruppo Abele a Torino. Abbiamo parlato anche delle user-room olandesi ed è stato interessante. Laura nel frattempo è intenta a truccare Maddalena e il risultato è stato molto positivo. Fine pomeriggio con Frank Gargano a condividre alcune rare perle musicali. Si progetta un gruppo musicale dei pankinari con me, diego e chi vuole unirsi. Sognare non costa niente, anche e soprattutto perchè adesso col nascente centro diurno (ops, scusate “laboratorio di coseione sociale”… :-)) probabilmente si apriranno degli spazi per varie iniziative individuali.

Buona serata a tutti. A risentirci su questi schermi

Luca


27 Gennaio

gennaio 27, 2010

Giornata impegnativa per l’associazione, carte, firme e appuntamenti per il presidente ma nulla ci spaventa e andiamo dritti per la nostra strada. Oggi nel pomeriggio Ada e Gueri hanno presentato l’ultimo numero di LDP agli operatori, medici, infermieri e psicologi del Sert aprendo anche una piccola parentesi sulla ristrutturazione delle ossa dell’associazione e della nuova collaborazione che andiamo ad iniziare con loro. Le base sono state messe e ora non ci resta che costruire. pomeriggio di incontri in sede, abbiamo conosciuto un nuovo amico, Stefano, che potrebbe venire a lavorare con noi, un ragazzo simpatico che si è rivelato un vulcano di idee, tra le chiacchere e il confronto delle rispettive esperienze, senza dimenticare le presentazioni delle persone che arrivavano, sono volate via quasi due ore e ci siamo ritrovati al buoi della sera senza aver visto il tramonto. Una vecchia amica, Francesca, di passaggio per Pordenone è capitata all’improvviso, la nostalgia della sede la obbligata a fermarsi per salutare gli amici che non vedeva da molto tempo, e nemmeno la fretta della famiglia è riuscita a fermarla, un bacio a Francesca e speriamo che presto ritorni da queste parte.

27 Gennaio è anche il giorno della memoria, cosa molto importante su cui le persone che sono passate di qui hanno lavorato molto. La memoria ci serve per capire il passato, e con il ricordo ci permettere di vivere il presente costruendo il nostro futuro.
Ricordiamo insieme a voi tutti i morti dell’Olocausto, tutte le persone che hanno subito ingiustizie, persecuzioni e che hanno pagato per essere stati “etichettati” come diversi, e ricordiamo sempre i nostri morti che continuano a vivere nei muri della nostra sede e nei nostri cuorii.

Buona serata
Ada


26 gennaio

gennaio 26, 2010

Si comincia la mattina presto con la riunione della redazione LDP: il numero uno del 2010 bolle in pentola.. e nel pomeriggio non uno ma ben due compleanni! Il mitico Ginetto (classe ’55, anni 55), che non si vedeva da un bel pezzo per qualche malanno, porta crostoli e fritelle e tanta voglia di stare in compagnia, ed è un bel momento. Giusto il tempo di rifiatare ed è la volta di semplicementeGiò: pizza e torta e nessuno accusa la fatica. Ecco alcune reazioni alla botta di calorie: Maddalena con l’occhio vispo, Zamai che sporca di zucchero a velo 1 metro quadrato attorno a lui, Gigi che giocherà per 2 ore di fila a ping pong, Luca che fa un caffè, Federico che si ripiglia, la Ada che parla della sua dieta perfetta. Insomma un pomeriggio di grandi fatiche!  


25 Gennaio

gennaio 25, 2010

Ultima settimana di Gennaio, speriamo che i giorni della merla si portino via tutto il freddo. Le giornate cominciano ad allungarsi e tutti speriamo che il caldo arrivi presto. Oggi molti passaggi e anche Felix si fa vedere, dopo aver raccontato il week.end animato, si è reso disponibile a scrivere sul giornale così domani all’incontro della redazione si troverà il titolo per il suo pezzo, mi ha detto:”Ada dammi un compito e io lo svolgo”, siamo tutti contenti che Felix torni a scrivere ci mancava la sua penna nell’ultimo numero. Domani grandi festeggiamenti in sede, dopo il gruppo si festeggia il nostro grande Gino e la mitica SemplicementeGiò, non chiediamo gli anni a Giò, non si ciede l’età ad una donna, e Gino non ci interessa quanti anni abbia ma che ci sia e che ci sia ancora per tanto tempo.
AUGURI RAGAZZI.

Domani, come al solito alle 14 d’è il gruppo, vi aspettiamo.

A presto Ada


Campagna anti-Aids con graffiti in movimento.

gennaio 21, 2010

Video-campagna realizzata da un’agenzia francese, per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’uso del condom.


mercoledì 20 gennaio

gennaio 20, 2010

 

Niente tempo da perdere, qui sono partite le pulizie di primavera anche se si è ancora in inverno. Negli ultimi giorni la sede è stata messa sottosopra da molte mani volonterose (non ci sono anche le mie) chi gli scaffali chi per terra, il bagno.. tutto un fervore di lavori e maniche alzate. La Ada capo cantiere vigilava tra le maestranze girando di stanza in stanza. Quando mi sono chiamato fuori perchè me ne dovevo andare mi ha detto: hai preso paura? Be insomma il risultato è che adesso entrando si sente profumo di deodorante; resta il bagno con il suo odore di tubature vecchie, finchè non vedranno lavori di manutenzione sarà così, andremo avanti tenedo la porta chiusa. Ci sarà da lottare per mantenere questa condizione, bisognerà che tutti entrino nella mentalità di non pesare a nessuno con le proprie cose. Sarà dura ma ci proveremo anche qui. Alla prossima