Diamo i numeri… di fine anno!

dicembre 30, 2011

Ultimo post dell’anno 2011. I prossimi saranno del nuovo anno, all’interno di altre sezioni, di altre cartelle, entreranno a far parte di altre statistiche ma questo no, è del 2011. Scrivere dell’anno che sta per concludersi non è facile, non lo è perché il rischio potrebbe essere quello di far prevalere l’amarezza dell’ultimo mese, evidenziare gli sconforti e le fatiche recenti.. ed invece sarebbe un torto al 2011, sarebbe una mancanza di rispetto al lavoro svolto. Per cui no.. se un saluto va fatto, allora va fatto evidenziando la magia, i sorrisi, le battaglie vinte, le conquiste, la consistenza dell’Associazione, la sua importanza. Partirei con alcuni dati: In sede ci sono state 5.687 Presenze con una alternanza di 233 persone diverse. Di queste 233 persone: 63 sono in carico al Ser.T; 6 al c.s.m.; 14 Extracomunitari; 34 provenienti dal mondo istituzionale, privato e cooperativistico; 109 non in carico a nessun servizio ma con connotate problematiche sociali; 7 responsabili dell’Associazione. Sono state garantite 244 giornate di apertura della sede (le ultime due settimane di Dicembre eravamo forzatamente chiusi, per cui sarebbero state altre otto giornate di apertura) con una media annuale di 23.3 persone al giorno. Non snoccioliamo i dati dell’anno scorso, ma il movimento 2010 si attestava sulle 3.800 presenze per 190 persone diverse. Ma ripeto, non ha importanza il confronto, perché i dati 2011 sono importanti, incredibili, imponenti, già da soli. Ma c’è di più. I dati elencati riguardano specificatamente l’interno della sede, le quattro mura, ma fuori? Leggi il seguito di questo post »


La Associazioni si frattano… le persone restano.

dicembre 29, 2011

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prematura e repentina uscita dalla sede, ha aperto ad innumerevoli disagi, per i ragazzi in primis, ma anche per la difficoltà di portare a termine in maniera dignitosa progetti ed eventi che ormai erano stati prefissati: distribuzione del giornale, distribuzione delle borse spesa per il progetto povertà finanziato dal Comune di Pordenone, realizzazione del pranzo di Natale con i ragazzi, istituzioni e residenti, corso di formazione per i figli minori dei residenti del quartiere, il progetto del teatro. Appuntamenti importanti, vitali, se si pensa alle borse spesa ad esempio. Per far capire al meglio la gravità della situazione creatasi, l’ultima distribuzione cibo, siamo stati costretti a farla all’interno di un parcheggio pubblico, all’aperto, direttamente da un furgone! I ragazzi, maggiormente concentrati sul cibo che sulla situazione, di sono adoperati allo scambio senza troppe rimostranze ma, vista dall’esterno, la fotografia dell’istante era davvero deprimente, la dignità scaraventata al tappeto, l’umiliazione enorme. Il pranzo natalizio si è riusciti a realizzarlo grazie all’intervento dei responsabili dei Servizi Sociali di Pordenone, che ci hanno prenotato la loro sala riunioni, all’interno della quale a buffet, ovviamente non c’era la possibilità di un fornello per fare una pasta ad esempio, abbiamo mangiato e ci siamo scambiati gli auguri. L’opportunità della stanza è stata importante ed insperata, per cui apprezzata ed ottimale per poter comunque concludere l’anno con un gesto conviviale, con degli abbracci e con saluti caldi, al caldo, ormai diventata opportunità per nulla scontata. Finito il pranzo, ci si è riusciti a coordinare con i residenti del quartiere per fare comunque la formazione ai figli, grazie a Chiara Zorzi per l’Associazione e Monia Guarino per il Comune. Le prove del tetro continuano, ogni settimana, all’interno della sala convegni del Dipartimento per le Dipendenze a Pordenone.

Leggi il seguito di questo post »


Al lavoro!

dicembre 28, 2011

Continua senza sosta il lavorio dell’associazione per accorciare i tempi di “senza fissa dimora” che stiamo vivendo. Le giornate si stanno articolando più o meno suddivise con le mattine in ufficio, per continuare i lavori di rendicontazione, di raccolta dati dell’ultimo anno di attività della sede ( tra qualche settimana vi daremo i risultati definitivi, ma anticipo già che sono numeri impressionanti), per ricerca case, stanze, possibilità. I pomeriggi-sera invece in strada, per continuare a stare con i ragazzi, per capire quali intenzioni abbiano nel decidere dove andare, dove stare, come affrontare la loro quotidianità senza uno spazio di riferimento. Ieri abbiamo sfruttato l’occasione di rimanere nella zona delle casette di natale non ancora tolte. Le chiavi erano già state consegnate in Comune, per cui nessun spazio al coperto era disponibile, ma la settimana scorsa, passata con lo spazio a disposizione, ha fatto in modo che nella testa dei ragazzi quel luogo restasse il “ritrovo” anche adesso. Probabilmente le case di legno già da oggi saranno dismesse per preparare la serata del 31 in piazza, ma in questo modo per i ragazzi si ripresenterà la scelta del “dove andiamo adesso?”. Pensare che una casetta di legno chiusa, possa rappresentare un punto di incontro, mette alla luce il disagio estremo che stiamo affrontando, di quanta sensibilità ci sia in questi ragazzi che ieri ci dicevano “…da adesso inizieranno i casini, perché se siamo in giro, se siamo in città, diventeremo scomodi, ed alla prima occasione in cui magari faremo un po’ di confusione (e sicuramente accadrà) saremo di nuovo additati da tutti, le forze dell’ordine torneranno a chiederci i documenti 5/6 volte al giorno, ci sbatteranno via da un posto all’altro…” c’era sconforto, preoccupazione nelle parole, e non sono le birre in mano o i vestiti sgualciti a lenire la paura di tutti loro, la paura di ricominciare tutto da capo. Leggi il seguito di questo post »


I Ragazzi sono in giro

dicembre 27, 2011

 

Prendiamo spunto da una bellissima canzone di Luciano Ligabue per raccontarvi di come ce la stiamo cavando in questi giorni di festa tra Natale e Capodanno. Vi scriviamo dalla sede della Cooperativa Itaca, dove portiamo avanti tutte le pratiche burocratiche che fanno parte della prassi associativa, come bilanci, relazioni e commissioni, il tutto con la tranquillità post natalizia.

Stiamo distribuendo anche il numero numero di LdP in giro per la città, approfittando anche del clima tiepido di questi pomeriggi. Un gran bel numero, davvero. Se lo avete sfogliato in anteprima nel nostro sito, ci piacerebbe ricevere alcuni commenti a riguardo del contenuto.

Ma tra le vie semi deserte di questi giorni a Pordenone ci sono soprattutto i ragazzi, che sicuramente hanno già trovato un posto dove ritrovarsi per qualche ora. Conclusa la settimana nella casetta in piazza XX settembre, che ha costituito un punto di riferimento importante, dove molte persone sono passate per incontrarci, farci gli auguri con una fetta di panettone ed un the caldo e prendere qualche copia del giornale, ora inizia il periodo più difficile. Nonostante le trattative per l’acquisto di una nuova sede stanno continuando con la visita di alcuni immobili in città, rimane un grosso punto di domanda riguardo questi mesi di precarietà. In questi pomeriggi ce la metteremo tutta per stare a loro vicini, ascoltarli, come sempre abbiamo fatto. Visto che le ore di sole rimangono poche, per adesso ci salutiamo quà, si scende in strada!


E Buon Natale!

dicembre 23, 2011

 

Stamattina, con le facce un pò stanche e provate dalla settimana intensa post sfratto, ci siamo ritrovati presso i Servizi Sociali, con i ragazzi ed i protagonisti del progetto con il quartiere. Proprio in questo momento, nella stessa stanza in cui abbiamo pranzato, Chiara e Monia stanno conducendo un laboratorio con i bambini delle famiglie del quartiere. Un percorso di conoscenza del “diverso”, per vincere le paure e le stereotipie che spesso compongono i limiti anche dei “più grandi” e che poi si riflettono sui più piccoli, il tutto attraverso alcune attività ludiche.

Simbolico il fatto di ritrovarsi insieme, perché non ci stancheremo mai di ribadirlo che il lavoro fatto é stato un grande successo per noi e non solo, per tutta la comunità. Un momento per un’analisi, seppur condizionata dagli ultimi eventi, positiva riguardo i progetti messi in piedi, gli eventi culturali che hanno portato ancor più prestigio alla nostra associazione. Giusto per ricordarcelo (con un po di vanto), la nostra prima partecipazione a Pordenonelegge, il laboratorio teatrale con i ragazzi detenuti nel carcere cittadino, proposto anche durante il nostro primo incontro in Tribunale. Per finire l’anno con il bellissimo abbraccio che ci avete regalato durante il concerto al Convento di S.Francesco, giusto due settimane fa. Festeggiamo anche il compimento del Progetto Povertà, consegnando le ultime borse spesa per le persone in difficoltà. E poi c’è il nuovo numero di LdP: un gran bel numero, che è già sparso in giro per la città e che stiamo distribuendo nella nostra casetta in piazza XX settembre! Leggi il seguito di questo post »


LDP N. 4/2011

dicembre 21, 2011

Carissimi Amici è in distribuzione l’ultimo numero dell’anno di Libertà di Parola, la copia cartacea la potete trovare nei luoghi significativi di Pordenone tra cui la biblioteca dove trovate il nostro espositore in entrata, e fino a venerdì 23 dicembre in piazza XX settembre nella casetta del mercatino di Natale a nostra disposizione.

Ringraziamo tutti per la solidarietà che ci avete dimostrato in questo periodo difficile per noi e speriamo di invitarvi presto nella nuova sede.
Vi auguriamo Buon Natale e buona lettura.

Il post più freddo della storia…

dicembre 20, 2011

Stamane, dopo aver parcheggiato l’auto nell’abituale posto nei paraggi di viale Grigoletti, sono passato davanti alla nostra oramai ex sede, notando un grosso catenaccio legato a quel cancello che non si chiudeva mai nei pomeriggi in cui eravamo aperti a tutte e a tutti. Ammetto che di aver avuto un ghigno “satanico” nel vedere che tutto era chiuso e silente. Proseguo con le mie abitudini: prendo le sigarette ed il giornali, visto che oggi la notizia che ci riguarda parla di una lettera del Vescovo al signor Rosset, come una ultima, disperata proposta di rivedere la vendita del immobile della Sacra Famiglia. Leggi il seguito di questo post »