Leggere un quotidiano non fa mai male!

febbraio 29, 2012

Avete letto i giornali locali oggi? Bene, vi siete fatti una cultura cittadina in ogni caso, a tratti non proprio edificante d’accordo, ma è questo che capita in città.. o più semplicemente è questo che scrivono, di quello che capita in città. Almeno siete arrivati alle pagine della cultura e degli spettacoli? Lì le informazioni sono se non altro proposte intelligenti per spendere bene il proprio tempo. Trovato nulla che riguarda I Ragazzi della Panchina? No..? Beh vi credo.. non c’era.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Forse domani…

febbraio 28, 2012

Leggete i giornali locali domani, dovrebbe esserci una bella sorpresa! Poche righe di post oggi ma spero stuzzicanti. Non vogliamo anticipare nulla e non sarà nulla di trascendentale in ogni caso, ma potrebbe essere comunque uno spunto interessante per commentare insieme, magari proprio domani, ciò che leggerete. Alla prossima!


Arte da stappare!

febbraio 27, 2012

Quando il colore diventa arte ed il tempo da perdere diventa.. tempo da perdere.. ecco che un posto auto del parcheggio di Via Montereale diventa se non altro, bello da vedere. Si sta parlando nello specifico del posto dove i ragazzi durante le mattine passano delle ore pre e post terapia al Se.T. In questa piccola porzione di parcheggio dove dei ragazzi sono soliti sostare, tra una (o poco più) birra ed una (o poco più) sigaretta, accade che spunti quasi come un errore una bottiglia di succo di frutta, o di yogurt, o di thè. I tappi di queste bibite, colorati, grandi e rigidi iniziano a diventare oggetto di colore da interpretare per abbellire il luogo. Il risultato delle foto e quindi del gesto artistico ai posteri!

Leggi il seguito di questo post »


Il carcere, fuori…

febbraio 22, 2012

Quando domenica l’Orso d’Oro è stato dato ai Fratelli Taviani, per il film girato all’interno del carcere di Rebibbia, mi sono e ci siamo detti “…vedi.. con mezzi diversi, con potenzialità diverse, pure noi abbiamo realizzato la stessa cosa!…” Lo spettacolo che abbiamo organizzato a fine Giugno a Pordenone, proiettando al San Francesco di Pordenone la registrazione della la messa in scena della commedia “La Legge è Uguale per Tutti?” di Pino Roveredo, registrata all’interno del carcere cittadino, non scorre sugli stessi binari ideali di “Cesare non deve morire?” Proiettare il carcere, i suoi detenuti, all’esterno, ma in una forma espressiva diversa, in una veste diversa, non era forse l’ideale disegno del film vincitore? Beh.. lo era anche il nostro! Portare alla ribalta persone, che dietro ai muri insormontabili di un carcere resterebbero nascoste non solo per gli occhi dei benpensanti, ma anche nascoste alle possibilità ed alle potenzialità spendibili, è prima di tutto un gesto d’amore. Siamo a Pordenone e non a Berlino, ci chiamiamo Ragazzi della Panchina e non Taviani ma… per noi, la vittoria di quello che siamo stati capaci di realizzare non ha minor valore morale di quello dei fratelli. Se continuare a leggere il post, vi ho copiato un articolo del quotidiano “La Repubblica – Bari –“ del 21 Febbraio 2012 della giornalista Sonia Gioia molto interessante, per tutti coloro che riescono a cogliere nelle imprese non la maestosità del visibile, ma la magnificenza dell’animo che sottende all’agire.

Leggi il seguito di questo post »


Senza un domani, non sei libero mai.

febbraio 17, 2012

La giornata di ieri si è caratterizzata con la mattinata passata in tribunale a Pordenone. L’occasione era quella di assistere al processo che vedeva coinvolti  alcuni ragazzi che conosciamo come Associazione. La fase processuale nel suo complesso inizia nel dicembre 2010, i primi arresti e le prime convocazioni all’inizio del 2011. I ragazzi hanno avuto diverse udienze in tribunale nell’arco di questi mesi, tutte rinviate o destinate al recupero delle documentazioni da parte del giudice per decidere poi una prossima data. Giovedì la convocazione era funzionale a fare l’elenco dei testimoni, degli imputati, insomma l’elenco ufficiale di coloro che a vario titolo avrebbero partecipato al processo definitivo. Quindi dopo un anno e mezzo quasi, la lettura delle parti in causa. Arrivati in aula però, ci si è accorti che ad uno degli imputati è stata mandata la lettera di comparizione in un indirizzo sbagliato, o meglio… che la lettera era stata spedita all’indirizzo di residenza dell’interessato, ma che questa residenza era stata cambiata nel corso di questo ultimo anno.

Leggi il seguito di questo post »


Costretti ad andare avanti perchè fermi non sappiamo stare..

febbraio 15, 2012

 

Dopo l’impegno delle ultime settimane per realizzare al meglio la conferenza stampa, ci siamo dati come Associazione un po’ di priorità: in primis mantenere ed implementare il contatto con i ragazzi che prima affollavano la sede; mantenere attivi, sia in termine di interesse che di costanza negli appuntamenti, i progetti in atto quali il corso di teatro e la redazione del giornale “Libertà di Parola”; consolidare ed in alcuni casi creare delle collaborazioni forti con le istituzioni significative della città; pensare alla progettazione, in questa fase di quotidianità limitata, di azioni di sviluppo possibili, da proporre all’amministrazione pubblica ed al privato sociale, per fare in modo che l’Associazione possa crescere in termini di efficienza e di efficacia nell’impatto territoriale verso le problematiche legate al disagio (non necessariamente delle sostanze) ed al mondo giovanile. Priorità che fa da contenitore a tutto questo la sede da trovare, ovviamente.

Leggi il seguito di questo post »


PNBOX

febbraio 15, 2012

L’intervista che abbiamo lasciato a PNBOX in occasione della conferenza stampa che abbiamo fatto l’8 febbraio per divulgare i dati del lavoro dell’anno 2012 dell’Associazione e il problema della mancanza della sede.

Lo potete trovare anche nel loro sito: http://www2.pnbox.tv/videolink.asp?video=6277.wmv