Precisare per non scivolare..

Sono usciti nei giornali locali di oggi, Il Gazzettino e Messaggero Veneto, due articoli che riguardano le evoluzioni concerete e possibili, inerentemente alla questione della sede dei Ragazzi della Panchina. Come spesso accade, le parole scritte in un articolo di giornale possono acquisire molteplici significati se le stesse non hanno molto spazio a disposizione per specificare e completare un concetto. Essendo però che la questione ci riguarda molto da vicino, ed essendo che l’argomento (almeno per quanto ci riguarda) è enormemente delicato sia in termini di opinione pubblica che nel versante ragazzi, volevamo precisare alcune cose ad integrazione degli articoli sopra citati.

Fondamentale è evidenziare che le difficoltà nel trovare una casa da acquistare, non sono derivate dal “fatto che i proprietari delle case (e soprattutto i vicini) una volta conosciuta la destinazione d’uso avrebbero sollevato perplessità con i venditori.” (cit. Il Gazzettino), o “più di qualcuno abbia rifiutato di vendere l’immobile una volta esplicitata la finalità” (cit. Messaggero Veneto), perché non è vero, o meglio, è vero in un solo caso, ma di case prese in considerazione se ne contano 7 più 2 spazi per esercizio commerciale. La vera difficoltà, la più rilevante, era che il budget a disposizione permetteva  l’eventuale acquisto dell’immobile, ma rendeva impossibile la necessaria ristrutturazione che uno spazio a titolarità dell’Azienda Sanitaria necessitava. Era di vitale importanza trovare un sito in centro città o nelle immediate vicinanze, che non fosse un appartamento, ma una casa indipendente con un minimo di spazio verde. Chiunque conosca minimamente il mercato immobiliare di Pordenone centro, converrà che i 350 mila euro a disposizione sarebbero bastati all’acquisto ed a null’altro. Ci teniamo a precisare anche che è sbagliato dire “intanto il Comune ha rinnovato l’offerta all’Associazione di occupare l’area di pertinenza dell’ex asilo di Via Selvatico” (cit. Il Gazzettino), perché a noi nessuno ha offerto nulla visto che “la cessione, in comodato gratuito ed a fronte del pagamento delle utenze da parte dell’ASS6, va però regolamentata da una convenzione” (cit. Messaggero Veneto) tra Comune di Pordenone ed ASS6. Come Associazione speriamo che questo accordo avvenga nel minor tempo possibile perché, dopo quattro mesi, siamo ancora SENZA FISSA DIMORA

Annunci

One Response to Precisare per non scivolare..

  1. franca ha detto:

    L’immagine del pavimento scivoloso rende bene l’idea… Ma perchè i giornali sono sempre così pressapochisti e inattendibili?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: