Buon Giorno PN!!

Buon Giorno

Con oggi poniamo la prima pietra verso l’edificazione della nova strada che ci porterà alla riapertura della sede dei Ragazzi della Panchina. A tutti gli effetti, come da giorni stiamo dicendo anche ai ragazzi, non si tratta di una vera e propria apertura della sede, ma l’incontro che oggi faremo come Associazione all’interno delle stanze dell’Ex Asilo con tutti i ragazzi che vorranno partecipare, avvia di fatto il processo alla riapertura. I lavori interni da fare sono principalmente la pulitura dalle muffe e successiva pittura dei muri ed in seconda battuta il trasloco di mobili, sedie, armadi, librerie, lavatrice, frigo, fornelli, ecc. Contiamo di poter ultimare questa prima parte degli interventi, verso la riapertura ufficiale della sede, entro la fine dell’anno. Questo ci permetterebbe di pensare che entro Gennaio 2013, con il funzionamento di una linea internet e con tutta o quasi la mobilia necessaria, si possa finalmente riprendere con cognizione di causa la quotidianità di una sede aperta tutti i giorni per l’intera settimana. Il 18 Dicembre sarà passato un anno senza sede, un anno che ancora non basterà per dirsi riaperti con ufficialità e costanza, però ormai esperti nel fare di necessità virtù, anche solo l’avere le chiavi e poter entrare dentro lo stabile con legittimità ci piace e ci gratifica. I problemi che saremo costretti ad affrontare saranno molti, lo sappiamo, e molti non saranno dipesi da noi, ci teniamo a ribadirlo. Esempio ne è l’impossibilità imposta di poter entrare in sede dal cancello di Vicolo Selvatico. Le motivazioni per cui questo risulterà un problema sono state elencate nel post “La Felicità”, ma non vogliamo correre il rischio di essere additati come non esperti delle dinamiche relazionali di comunità. Noi esperti lo siamo e prevediamo con larghissimo anticipo possibili problemi, è la possibilità di agire per evitare queste future problematiche che ci è stato negato. Punto. Detto questo, cercheremo di  mettere in campo il massimo delle possibili strategie alternative, per cercare di abbassare al minimo i conflitti che si creeranno certamente, più di così non possiamo fare, che sia chiaro in partenza a tutti. Altro passaggio fondamentale sarà l’apertura della sede a livello mentale, sia per noi, che per i ragazzi, che per il quartiere, che per la città, che per i cittadini, che per l’amministrazione comunale che sanitaria (intendo ASS n°6) che per le forze dell’ordine. Questo perché..

..gli esseri umani hanno la magica capacità di modificare i propri assetti logico-mentali-psicologici in relazione all’esistente. Se l’esistente offre la possibilità di nascondere tutto sotto il tappeto allora “zac”, su il lembo, avanti con le scope e via che buttiamo tutto sotto! Poi, quando accadrà (perché è certo che accadrà), che qualcosa o qualcuno uscirà da sotto il tappeto (e sarà mega incazzato certamente(provate voi a stare nascosti a forza sotto sequestro sociale)) svelando il segreto, tutti a condannare la polvere, poi chi ha fabbricato il tappeto, chi lo ha alzato, chi ha usato le scope, chi lo ha abbassato, chi ci ha camminato sopra, ecc. L’apertura della sede creerà tutto questo, alzerà il tappeto facendo vedere lo schifo che ci sta sotto.. e non lo farà per il puro piacere di farlo vedere, questo schifo intendo (uno potrebbe dire: cazz.. lascialo a terra sto tappeto, fin tanto che non esce nulla o fin tanto che riesce a contenere andiamo avanti sereni, “occhi non vede, testa non pensa” e poi.. vabbè poi ci pensiamo, magari sto poi arriva che io non ci sono.. e fancu a tutti..) ma perché è necessario. Il fatto è che noi pensiamo che se le cose non emergono, non emergono soluzioni capaci di far abbandonare il tappeto. Lo scopo è eliminare il tappeto. Senza tappeto si è costretti a dare dignità d’esistere a sta polvere, che tutti noi assieme produciamo, e siamo costretti a doverci migliorare come esseri umani e non per un po’ di tempo, quello che serve per spegnerci di nuovo, ma per sempre. Ci costringere ed essere cittadini attivi. Ecco il punto, l’apertura della sede a livello mentale.. l’apertura della sede costringerà il pacchetto Pordenone al risveglio, non fine a se stesso, ma come cittadini che hanno a cuore il proprio territorio, con tutti quelli che ci abitano sopra. Buon Giorno PN.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: