Fatti e rifatti

mubarak_berlusconi038

Siamo alle solite patetiche dinamiche dei precedenti governi. Ma chi l’ha votato non sapeva che sarebbe andata a finire così? Che sarebbero ricominciate le beghe esattamente dal punto in cui erano state sospese, invece di prodigarsi completamente alle condizioni del paese in grave affanno? Al solito si contrappongono le sorti di una persona sola a quelle di tutta la nazione, tenuta sotto scacco da quello che deciderà di fare l’anfitrione ferito attorniato dai suoi seguaci settari. Innocente o colpevole che sia non ha più importanza, che sia il leader di un grande movimento che senza di lui tra l’altro è aria fresca incapace di reggersi con le proprie gambe lo stesso. Se veramente una persona nella posizione del cavaliere è votata a pensare al bene del paese, deve fare un passo indietro, difendersi in giudizio da cittadino italiano e non coinvolgere tutti nel suo marasmatico delirio giudiziario.

EGITTO,L'ANNUS HORRIBILIS DEL PRESIDENTE MORSI

ber

Puttaniere o santo che sia a questo punto non ci sono più dubbi sull’egocentrismo di cui sono intrisi i suoi progetti passati e futuri. “Tenete duro che io non mollo” dice ai manovali dei gazebo che raccolgono firme a suo favore, ma e all’Italia che boccheggia cosa dice? Che siamo davanti ad un colpo di stato, che è vittima di un accanimento giudiziario ecc ecc. Non se ne può più di sentire i suoi delfini riempire gli spazi tg con invettive proclami e lamentele in suo appoggio, e che si ricordano della nazione solo quando è il momento di minacciare la crisi con conseguente catastrofica caduta del governo, se il loro messia non verrà in qualche modo prosciolto dall’ineleggibilità e dall’interdizione dai pubblici uffici. Perché lui non molla, e allora avanti così, anzi indietro. Io non sono un politologo, io viaggio a raso terra con la politica, ma dal mio abc a questo punto mi chiedo: ma questi, che mettono a repentaglio la vita del paese per un qualsiasi motivo, cavaliere o asinaio che sia, sono veramente dei patrioti che vogliono il bene dell’Italia e degli italiani? Al momento c’è una grave fragilità nelle nostre istituzioni, e dov’è la novità verrebbe da dire. Ma proprio adesso che è il momento di premere l’acceleratore verso una pseudo luce che si intravede in fondo al tunnel, ci vorrebbe la spinta di tutti insieme, cosa però che non si vede. Su una tavola che va alla deriva nella corrente impetuosa, persino il gatto ed il topo convivono assieme, sospendono le ostilità in attesa di momenti migliori. Ma nei nostri palazzi continuiamo ad assistere ad ignobili e vergognose beghe campanilistiche che niente hanno a che vedere con gli interessi del paese. Sinceramente mi sento in mano a delle persone irresponsabili, e la paura che l’Italia perda un treno che non passi più è tanta. E tutto perché? La risposta la lascio ad ognuno di voi, solo una cosa: non nascondetevi dietro ad un dito

Annunci

One Response to Fatti e rifatti

  1. lorena ha detto:

    finalmente qualcuno che la pensa come me’.
    ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: