Un libro per uscire e capire il dentro

giugno 30, 2014

DSC_0014

Giovedì scorso, 26 Giugno, si è realizzata la serata di presentazione del libro “NON GIUDICARE!! Pensieri di uomini non liberi”. La sala “Teresina Degan” della biblioteca civica di Pordenone era gremita di gente. Circa 65 i presenti, che hanno scelto di partecipare ad una serata che necessitava di uno sforzo culturale non scontato nella scelta dell’esserci: la presentazione di un libro scritto in carcere e promosso da una Associazione che si occupa, “anche”, di dipendenze. Nonostante questo, o forse proprio per l’“anche”, la partecipazione è stata numerosa oltre le più rosee previsioni. Partecipazione in questo caso ha voluto dire riconoscimento, vicinanza, storia, proiezione, futuro, impatto, progettualità, integrazione, centralità, cultura. Il nostro “anche” significa storia, futuro, impegno, territorio, possibilità, presenza, fatica, coerenza, rete, multilivello, cultura. Quando non si ha paura di mescolare tutto questo con direzione, le cose accadono, si formano, si riproducono e sono cose belle, emozionali, che superano il dato per diventare essenza, sostanza (detto da noi fa ridere..) ma è proprio così. Assieme ai ragazzi dell’Associazione ed agli amici, davvero molte le presenze istituzionali: Ass6, Azienda Ospedaliera, Dipartimento per le Dipendenze, Comune, UEPE Udine-Pordenone, Tribunale di Pordenone, carcere cittadino, terzo settore. Un grazie davvero grande a tutti i ragazzi che hanno deciso di partecipare al laboratorio Codice a S-Barre all’interno del carcere e che con i loro contributi scritti hanno dato vita al libro stesso. Grazie per aver dato fiducia alla nostra volontà di offrire un momento “diverso” alla loro quotidianità, grazie per il video che hanno realizzato per portare la loro testimonianza rispetto al laboratorio che hanno svolto. Grazie al direttore del carcere Quagliotto ed all’educatrice  Bombaci che ci hanno, con passione ed impegno, dato la possibilità di muoverci all’interno delle mura del “Castello” facendoci sentire sorretti, sostenuti, riconosciuti nel valore del nostro operato.

La giornata successiva alla presentazione del libro, quindi venerdì 27 Giugno, siamo entrati in carcere..

Leggi il seguito di questo post »


Nuovo libro targato RdP “NON GIUDICARE!! Pensieri di uomini non liberi

giugno 20, 2014

invito non giudicare

L’Associazione I Ragazzi della Panchina

Vi invita alla presentazione in anteprima del libro

“NON GIUDICARE!! Pensieri di uomini non liberi”

 

GIOVEDI 26 GIUGNO 2014 ORE 18.00

 SALA “TERESINA DEGAN” BIBLIOTECA CIVICA -PORDENONE-

Il progetto “Codice a s-barre”, avviato dall’Associazione “I Ragazzi della Panchina” a Settembre 2013 e tutt’ora in corso, ha strutturato uno spazio di condivisione, dibattito ed elaborazione di testi su tematiche plurali, all’interno della Casa Circondariale di Pordenone, coinvolgendo trasversalmente individui in misura carceraria e operatori dell’associazione.

Tale progetto si è realizzato attraverso incontri settimanali di due ore ciascuno all’interno del carcere cittadino in cui poter discutere, ma anche concretizzare i pensieri degli ospiti della struttura, attraverso l’arte della scrittura. Intento ulteriore è stato quello di sviluppare dinamiche relazionali, che coinvolgano soggetti provenienti da contesti differenti, ma che hanno in comune una conoscenza diretta o indiretta dell’ambiente carcere.

Alcuni degli articoli realizzati durante gli appuntamenti settimanali hanno trovato spazio all’interno di una nuova sezione del giornale dell’Associazione, “Libertà di Parola”. L’insieme dei testi realizzati rappresenta invece il corpo di una pubblicazione vera e propria.“NON GIUDICARE!! Pensieri di uomini non liberi”, questo il titolo del libro, è quindi l’ultima fatica editoriale dell’associazione pordenonese. Si tratta di una pubblicazione rivolta agli autori dei testi, ma soprattutto ad un pubblico più ampio. L’obiettivo è quello di far conoscere “l’ambiente carcere” ed i suoi “abitanti” all’esterno, abbattendo così virtualmente i muri che dividono persone che abitano, anche se in diverso modo, la stessa città.

Leggi il seguito di questo post »