Progetto TOP si racconta

11295681_10207080288472610_7967715649615132160_n

L’Ambito Urbano 6.5, Servizio Sociale dei Comuni di Pordenone, Porcia, Cordenons, Roveredo in Piano e San Quirino, sostiene il progetto denominato “TOP” (Teen Opportunities Project) dal gennaio 2015, progetto già in passato presente sul territorio di Pordenone.

TOP è un progetto di educativa di strada, gestito dall’Associazione “I Ragazzi della Panchina” in collaborazione con la “Coop. Soc. Itaca” di Pordenone, finalizzato ad intervenire a favore dei giovani della fascia di età 14–28 anni attraverso la prossimità .

Tre sono gli assi di intervento progettuale:

Educativa di strada: gli educatori incontrano i ragazzi in contesti informali in città, per raccogliere eventuali situazioni di disagio e mediare tra queste e possibili interventi di carattere preventivo.

Adulti significativi e istituzioni: gli educatori promuovono una maggior conoscenza del mondo giovanile da parte di tutti coloro che a diverso titolo lo avvicinano, partendo dai baristi, passando per gli allenatori sportivi per arrivare ai Servizi pubblici e privati preposti a dare delle risposte socio-sanitarie alle situazioni di disagio. Inoltre gli educatori sono disponibili a momenti di confronto e mediazione con i genitori dei ragazzi.

Scuole secondarie di primo e secondo grado: gli educatori, costruendo una rete di rapporti con insegnanti e dirigenti, facendosi conoscere dagli studenti, si prefiggono di intercettare situazioni che meritano di essere prese in carico per organizzare diverse tipologie di intervento che riguardino l’intero istituto, le singole classi, i singoli studenti.

Tutti e tre gli assi vengono realizzati contemporaneamente dagli educatori: l’obiettivo è divenire così uno dei punti di riferimento sia della quotidianità adolescenziale, sia dei servizi pubblici e privati, contribuendo e concorrendo, da un osservatorio privilegiato, all’attuazione di interventi e risposte più mirati nelle situazioni di disagio.

Lunedì 25 maggio alle ore 17.00 presso palazzo “Badini” a Pordenone, i tre educatori che realizzano il progetto propongono un incontro aperto dal titolo “TOP: una storia di connessioni”. In questo frangente, oltre a riportare i dati degli ultimi 5 mesi di lavoro, si vuole cogliere l’occasione per raccontare il potenziale di un progetto particolare nella sua attuazione, attraverso i racconti degli operatori stessi ma anche attraverso il racconto di che è entrato in “connessione” con il progetto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: