HIV DAY-NON SOLO IL 1° DICEMBRE 2016

novembre 30, 2016

hivday-2016-avanti-web

hiv-day-2016-retro-web

Si rinnova per il quarto anno consecutivo l’impegno dell’Associazione, in relazione alla giornata mondiale di lotta all’HIV del 1° Dicembre, attraverso la nostra presenza in città tramite uno stand informativo. Lo stand sarà allestito in Piazzetta Cavour Sabato 3 Dicembre dalle ore 16.00 alle 19.00. Come gli altri anni saranno disponibili vari materiali informativi sul tema e saranno distribuiti preservativi gratuitamente, ci sarà inoltre una emozionante esibizione di breakdance che colorerà e animerà lo stand!
L’HIV Day sarà fondamentale ancora una volta per informare e sensibilizzare sempre di più l’opinione pubblica su questo tema che nasconde ancora tra le sue pieghe molto pregiudizio e disinformazione. Dal 2013 siamo attivi nel territorio con il nostro evento “HIV Day – Non solo il 1°dicembre”. Il titolo richiama alla responsabilità e all’attenzione verso l’argomento non solo durante la giornata mondiale ma in tutti i 365 giorni dell’anno, infatti la scelta di essere in piazza il 3 e non l’1 è strategica e funzionale a ricordare la nostra mission. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Mai più violenza sulle donne

novembre 25, 2016
Oggi volevo fermarmi a riflettere su di una tematica importante. Ogni anno, il 25 novembre, ricorre la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
La data è stata scelta nel 1999 dall’Assemblea Generale della Nazioni Unite che ha ufficializzato una data che fu scelta da un gruppo di donne attiviste. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo, il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. Leggi il seguito di questo post »

Sogno e realtà

novembre 21, 2016

cs7

Da bambino sognavo anzi, ero convinto che un giorno sarei diventato un calciatore. Da piccolo saltavo scuola per andare a giocare a calcetto in strada o in qualche cortile di qualche palazzo vicino casa. Mi bastava avere un pallone e qualche amichetto che venisse con me ed immaginavo di giocare in un vero campo di calcio. Mentre giocavo pensavo sempre a tutte quelle persone che mi guardavano giocare e mi chiedevo se tra quelli ci poteva essere magari qualche osservatore di una grande squadra, che mi avrebbe potuto portare in una squadra famosa, magari il Napoli. Il mio idolo, infatti, era Maradona. Leggi il seguito di questo post »


La favola del Leicester e di Tony

novembre 16, 2016

Oggi voglio raccontare una favola di calcio e di vita. Ormai è una notizia risaputa ma ne parlo, perché è una di quelle storie che al calcio moderno fanno bene per ricordarsi che non sempre il denaro paga e l’orgoglio sportivo e la passione possono fare la differenza.

Tutti ci chiediamo come abbia fatto una squadra, che inizialmente aveva la salvezza come obiettivo e che l’anno prima si era salvata all’ultimo, a vincere la Premiere League. La risposta sta nel nome di Claudio Ranieri, oggi Sir Claudio, che ha saputo creare un senso di gruppo e identità forte con una rosa di per sé discreta e povera di campioni. Prima del 2015, chi sapeva chi era Jamie Vardy? Mahrez? Schmeichel, Kantè, Drinkwater, Okazaki? Questa lista di sconosciuti ha avuto ragione di squadre il cui monte ingaggi era quattro volte superiore! 62,6 milioni, contro i 280 del Chelsea, i 264 dello United e gli appena 251 del City. Leggi il seguito di questo post »


And the winner is…Donald Trump!

novembre 9, 2016

093010734-8d72059b-b335-4b01-88d5-6252010c1bdb

Questa mattina ci siamo svegliati con un colpo di scena! Gli americani hanno scelto Donald Trump come 45°presidente degli USA. Il rappresentante dei repubblicani ha vinto, nonostante i sondaggi che vedevano la democratica Hilary Clinton come favorita e in vantaggio fino alla fine. Sono stati decisivi Florida, Ohio e North Carolina a far pendere, nella notte, l’ago della bilancia verso il repubblicano.

Tutto il mondo è rimasto a bocca aperta e ci si chiede quale sarà il trump-impatto nel futuro del pianeta. Sono state delle elezioni caratterizzate da scontri verbali molto accesi e cadute di stile che sembravano condannare l’attuale Presidente. Addirittura molti del suo stesso partito non appoggiavano più il tycoon di New York. Le frasi volgari sulle donne, quelle scandalose sui malati terminali, lo schieramento anti-immigrati, anti-mussulmani, anti-ambiente e quello a favore della tortura e delle armi, avrebbero dovuto, in linea teorica, affossare chiunque. Leggi il seguito di questo post »


Ironia

novembre 3, 2016

enzo-salvi-e-maurizio-battista-protagonisti-di-una-cella-in-due-194535_jpg_351x0_crop_q85

Di ogni momento, situazione o episodio della nostra vita è fondamentale cercare il lato ironico, il momento tragicomico. Certo, questo non è sempre possibile, specie se si tratta di momenti traumatici o dolorosi, come ad esempio la perdita di un affetto, ma se non parliamo di morte, per il resto c’è sempre una soluzione e quindi anche la possibilità di poterci ridere sopra. Potrebbe capitare, ad esempio, di essere catapultato in realtà o luoghi non proprio simili allo stile di vita avuto sino a quel momento e quindi essere costretti dalla situazione e dal momento a dover accettare compromessi, persone, luoghi. Questo è un po’ quello che succede a chi, per la prima volta, varca quella fatidica porta che separa simbolicamente i cattivi dai buoni, i peccatori dai puri di cuore, i colpevoli dagli innocenti. Qui la vita si ferma, per quanto i giorni scorrano, la quotidianità avuta in precedenza, e con essa la priorità delle cose, si iberna nella speranza che tutto ritorni a vivere, una volta fuori. C’è chi dice che il sorriso fa buon sangue e quindi, anche in questo caso, bisogna cercare di sorridere, trovando l’ironia utile a sdrammatizzare queste situazioni. Leggi il seguito di questo post »