BUONE FESTE A TUTTI

dicembre 22, 2016

Basic RGB

Annunci

Lettera a Babbo Natale…

dicembre 21, 2016

babbo-natale

Caro babbo natale,

un altro anno si sta per concludere. Ancora una volta siamo immersi nel festoso clima natalizio. Tu starai scaldando le renne e mettendogli gli zoccoli da neve. Beh, ti aspetta un lavorone, milioni di bambini ti attendono guardando speranzosi e sognanti il loro camino. Forse non solo i bambini hanno bisogno di te, magari ricordati dei molti adulti disillusi che ti hanno dimenticato, che hanno scordato cosa voglia dire festa insieme e cosa voglia dire Natale.

Personalmente avrei una lunga lista di desideri da richiederti, anche se so che è (quasi) impossibile trovare sotto l’albero questi doni…in ogni caso io, a te, Babbo Natale, voglio credere e voglio sperare sempre che almeno a Natale tu possa aiutarci a ricordare che possiamo essere migliori e che questo mondo può sempre stupire e regalarci sorrisi. Leggi il seguito di questo post »


LA NASCITA DELLA CHAMPIONS LEAGUE

dicembre 14, 2016

og-default

La Coppa dei campioni nacque nel 1954, grazie al noto quotidiano  francese “L’Equipe” diretto da Gabriel  Hanot,  il quale propose a FIFA e UEFA di creare un nuovo campionato  fra i maggiori club Europei.

Inizialmente  le due federazioni non furono molto entusiaste dell’idea. Grazie alla continua insistenza del giornale però venne organizzato, nell’aprile del 55′ a Vienna, un incontro privato tra dirigenti e rappresentanti delle maggiori squadre d’Europa. Il meeting si concluse in modo molto positivo, si aprì così la strada per la realizzazione di un vero e proprio campionato Europeo per squadre di Club. Per volere della FIFA, l’organizzazione del torneo venne assegnata completamente alla UEFA. Leggi il seguito di questo post »


IL NOSTRO REGALO PER NATALE

dicembre 13, 2016

cantalicunti

“CANTALICUNTI” IN CONCERTO
musiche e danze dal sud Italia
GIOVEDI 15 DICEMBRE 2016 ore 21.00
EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO – PIAZZA DELLA MOTTA – PORDENONE
INGRESSO GRATUITO

Come ogni fine anno l’associazione “I Ragazzi della Panchina” offre alla città un evento musicale e culturale come volano per condividere il lavoro svolto nell’anno che si va a concludere e per indicare quali siano le prospettive future dell’Associazione.
L’anno 2016 è stato un anno ricco di eventi, di azioni, di territorio e di gestione di una quotidianità ricca, imprevedibile, dura ma viva, attiva, mai banale. Oltre alla gestione quotidiana della sede, attraverso una accoglienza a bassa soglia, verso il territorio abbiamo promosso il progetto “Codice a s-barre” presso il carcere di Pordenone e gestiamo una educativa di strada denominata Progetto TOP rivolta al target giovanile, che opera in strada ma anche nelle scuole, nelle società sportive, in rete con i Servizi del territorio. Leggi il seguito di questo post »


Nonna

dicembre 12, 2016

nonni-15

Ciao nonna come stai? Spero che tu stia bene, so quasi per certo che stai bene: io inutile che ti dica come sto e cosa provo dentro di me, perché lo sai benissimo, lo sai senza aver bisogno che te lo dica. Ti scrivo questa lettera pur sapendo che non la leggerai mai, per dirti quanto ti voglio bene e per dirti quanto mi dispiace per tutto questo. Ricordo tutti i momenti passati sorridendo in serenità, in giardino mentre giocavo con Bobi quel buffo Schnauzer, al quale tu tagliavi i peli davanti agli occhi perché dicevi che così vedeva meglio. Mi ricordo che tutte le volte che ti vedeva con le forbici in mano scappava a nascondersi sotto la siepe per non farsi prendere e io e il nonno ridevamo come matti perché tu ti arrabbiavi perché non riuscivi prenderlo. Ricordo quanto stavi in pensiero, le volte che ritardavo per pranzo o per perché tu mi facevi da mamma, dato che lei non c’era mai per diversi motivi e io stavo da solo in quella maledetta casa, poco distante da te, ma quando non lavoravo stavo sempre con voi. Ricordo la prima bicicletta che mi sono costruito con l’aiuto del nonno con i pezzi che avevo recuperato tra i ferri vecchi, non mi lasciavi andare in strada perché dicevi che era pericolosa e giravo solo in giardino, senza pensieri, senza preoccupazioni, perché avevo te e il nonno che mi volevate bene e mi davate tutto quello di cui avevo bisogno. Per andare in giro mi facevi usare la tua bicicletta anche se sapevi che tutte le volte rompevo qualcosa perché saltavo su e giù dai marciapiedi, fino a quando un giorno ti sei fatta accompagnare al centro commerciale e mi hai comprato una stupenda mountain bike verde, ero al settimo cielo. Leggi il seguito di questo post »