La storia si ripete…

Ci sono dominazioni e dominazioni, regni destinati a durare e regni destinati a cadere. Vittoria-sconfitta. Gloria-disfatta. La storia si ripete e mi piace forzare un parallelismo per parlare di calcio e non solo.

Era il 30 aprile del ’45 quando a Berlino, sotto le bombe degli alleati, con il suicidio del Fuhrer, crollava definitivamente l’impero nazista. E’ il 14 febbraio 2017, quando crolla e si sgretola l’impero del Barcellona sotto i bombardamenti del Paris Saint Germain.

Dopo tanti successi, fondati sui suoi fidati soldati ed interpreti, il Barcellona del tiki taka, quello della guerra lampo che in pochi anni ha abbagliato e conquistato tutta Europa cade preda delle sue stesse armi. Il Psg, già sconfitto e umiliato diverse volte da quest’avversario, vince nettamente. Un 4 a 0 maturato proprio come la guerra lampo perché vede i francesi avanti 2 a 0 già a fine primo tempo. L’asse di ferro inizia ad arrugginire, ha conquistato troppo, ne ha vinte troppe, quella Francia territorio di conquista contrattacca e le fievoli ondate dell’esercito blaugrana si infrangono sulla linea Maginot eretta al Parco dei Principi. E’ lo sbarco in Normandia del Psg. I condottieri Di Maria, Draxler e Cavani guidano le truppe d’assalto nella metà campo del Barcellona e costringono al ritiro strategico gli ospiti. Una volta messi all’angolo vengono inferti i colpi di mortaio. Uno, due, tre e quattro, gli alleati non si fermano e il ricordo cocente della dominazione e delle umiliazioni subite spinge a non concedere tregua e pietà. Con un ultimo guizzo l’asse di ferro coglie il palo con Umtiti ma è solo il colpo di coda di un’armata ormai umiliata e sconfitta.

Luis Enrique, nei panni di Hitler, si vede espropriato del trono e tradito dai suoi Messi-Suarez-Neymar quasi a ricordare il tradimento di Goering e Himmler, i gerarchi più fidati. E’ la notte dei cristalli all’incontrario e il Barcellona torna in Spagna con delle fratture di spogliatoio dove forse la filosofia del tiki taka e del bel gioco si è rivoltata contro come la barbarie del nazismo.

Hitler e i suoi, giustamente, non hanno avuto nessuna occasione di rivincita. Il Barcellona invece, ospiterà tra 22  giorni il Paris Saint Germain in casa al Campnou. Riusciranno le truppe francesi a reggere e difendere il fortino dalla rabbia di rivincita dei panzer blaugrana? Alla storia la risposta…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: