PENSIERI SU #MAIUNAGIOIA

Oggi voglio parlare e dire la mia su di un vero e proprio tormentone che sta infiammando migliaia di teenager e adulti in tutta Italia. Tutto parte da un noto striscione apparso all’Olimpico durante l’incontro Roma-Catania di serie A, che riportava #maiunagioia. Il termine, diventato poi modo di dire e fenomeno di costume, diventa uno slogan sui social per lamentarsi ironicamente di varie situazioni o condizioni.

Questo nuovo aforisma cult dei giorni nostri, ha dato origine ad una vera e propria moda che non si è fermata soltanto in rete con gruppi facebook, blog, youtube e istagram, ma si è estesa molto velocemente riuscendo a conquistare diversi settori della nostra società. Titoli di giornale, articoli d’abbigliamento, gadget, manifesti, fino ai muri invasi dalle bombolette spray nelle nostre città. In questi tempi le nuove generazioni sono completamente dipendenti e immerse nei social media, in primis Facebook dove la maggior parte dei ragazzi è sempre più attratta dal condividere e commentare con i loro amici le immagini, gli stati di ognuno, i vari post condivisi e i numerosi hashtag. Tra questi ultimi non può mancare ovviamente #maiunagioia.

Ma cosa significa veramente questo nuovo termine? Questa frase nasce dal desiderio tra i giovani di condividere le loro mancate gioie con i loro amici, cercando di raccontare le cose che proprio non sono andate nell’intera giornata, nella vita, nel lavoro, nell’amore. #maiunagioia pur partendo con un taglio ironico e giocoso è diventato un modo di dire, un vero e proprio stile di vita degli utenti dei social, dove ogni scusa è buona per cercare di vedere la vita in modo negativo sfoderando l’hashtag.

Vorrei rivolgermi ai giovani cercando di dare alcune opinioni e degli umili consigli in merito al fenomeno. Penso non sia sempre totalmente negativo il fatto che condividiate tra amici le immagini con #maiunagioia per far conoscere i vostri pensieri al momento dello scatto, anche perché sicuramente nella maggior parte dei casi lo fate scherzando. Il problema è un altro secondo me, il problema è l’esagerazione. Lungi da me il giudicare le problematiche altrui, sono ben consapevole che avrete sicuramente qualche delusione e magari problemi o preoccupazioni con la scuola, in amore o nelle amicizie, per non parlare dei disguidi con i genitori o magari dei problemi di denaro forse per comprarsi lo smartphone più trend. Credo che di problemi e incazzature ne farete il pieno ad ogni età.

So che alle volte le delusioni vi possono sembrare impossibili da rimediare o risolvere, però ragazzi/e mi sembra che stiate un pochino esagerando nell’uso improprio dell’hashtag. Spero che siate già consapevoli che nella maggior parte dei casi si tratta di piccoli problemucci o lamentele di basso peso a confronto dei grandi problemi sociali e di salute che affliggono la gente.

Voi giustamente mi direte: Chi sei tu per sminuire i nostri problemi e dire che si tratta di piccole cose?

Vi parlo da ragazzo disabile affetto da distrofia muscolare e costretto in una carrozzina elettronica. Io e moltissimi altri compagni di malattia, ogni giorno ci svegliamo e dobbiamo lottare contro questa dura realtà. Siamo costretti ad essere assistiti 24 ore su 24 da una persona per compiere anche le cose più comuni della vita quotidiana come alzarsi dal letto, lavarsi, mangiare, uscire con la fidanzata o gli amici ecc.

Non voglio gettarvi addosso un macigno ma vi chiedo cosa dovremmo dire noi che viviamo una vita non autonoma e con diverse problematiche che dobbiamo affrontare ogni giorno, forse usato da noi l’#maiunagioia diventerebbe troppo inflazionato!

Il consiglio che mi vorrei permettere di darvi ragazzi/e è questo: cercate di non lamentarvi sempre ed essere troppo negativi se vi mancano alcune cose materiali, può succedere di non riuscire ad ottenere quello che sognate nella vita ma se vi guardate dentro, nel profondo di voi stessi, credo possiate da soli capire le fortune che avete. Sorridete e mettetecela tutta in ogni cosa che fate, fatelo anche per me e chi non può fare molte cose, vi accorgerete allora che magari più che intasarvi le home con #maiungioia, quando vi alzate da soli dal letto e iniziate la giornata potete farlo ricordandovi le fortune e le gioie che vi sono toccate.

#sempreunagioia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: